Tel/Fax 0984 35405 / 338 8971926 crcal@fisi.org

Tra programmi e incarichi si avvia la prossima stagione

Con l’avvio della stagione FISI 2020/2021 è ripresa la programmazione delle attività nel rispetto delle linee guida ministeriali riguardanti lo sport e l’attività motoria.
I vertici del Comitato Calabro Lucano, rappresentato dal Presidente Bianca Zupi, anche durante il periodo di isolamento causato dalla pandemia da Covid-19,hanno mantenuto i contatti con le associazioni affiliate alla Federazione degli Sport Invernali per condividere

informazioni e indicazioni utili alla ripresa, nella speranza che i dati sanitari permangano stabili.
È di questo periodo la nomina del Responsabile Sanitario del CAL, individuato nel dott. Nino Avventuriera (in foto), il quale avrà il compito di far rispettare il protocollo sanitario indicato dalla Federazione durante le attività agonistiche.

 

Ora si lavora all’organizzazione di un raduno tecnico e atletico, da svolgersi in Sila, a San Giovanni in Fiore (CS) e al Villaggio Baffa (KR) nel mese di agosto, pensato per gli atleti dello sci nordico che possono iniziare gli allenamenti a secco in preparazione delle gare di ski roll previste per il prossimo autunno, sulla scia della positiva esperienza dello scorso anno. Uno dei tanti appuntamenti che il settore fondo, guidato dal DT Pino Mirarchi, ha messo a punto con la Commissione Tecnica del CAL, per l’avvio di una prossima stagione di rilancio: stage, formazione, raduni, competizioni rivolte a far crescere sempre più il livello delle nostre Squadre Regionali, ormai alacremente al lavoro.

Nel frattempo questo Comitato ha sollecitato, tramite comunicazione certificata, alcune amministrazioni comunali del Pollino, sia del versante lucano che calabrese, affinché si attivino per provvedere alla manutenzione delle strade così da consentire l’attività sportiva dei club affiliati alla FISI e lo sviluppo di un turismo sportivo che gioverebbe al territorio e al movimento sportivo.

Novità in arrivo anche per quanto riguarda lo sci alpino: la dirigenza del Comitato si sta attivando per la nomina di un Responsabile Tecnico esterno, di provata esperienza agonistica nazionale e internazionale, che avrà il compito di stimolare e rivitalizzare un settore fermo da tempo, il cui nome verrà comunicato a ratifica avvenuta.

Sport & Turismo, il Comitato FISI CAL fortemente sorpreso per il mancato coinvolgimento

COSENZA – Sulla visita a Lorica della governatrice della Calabria Jole Santelli, che accompagnata da assessori e consiglieri ha incontrato imprenditori e amministratori del comprensorio silano, si è espressa Bianca Zupi, presidente del Comitato Calabro-Lucano della FISI.

Come portavoce della Federazione Italiana Sport Invernali, Zupi si è detta sorpresa che ad un dibattito a più voci fra istituzioni e operatori turistici non siano stati coinvolti i promotori del turismo sportivo.

«Desta meraviglia – ha affermato il presidente del CAL – che la FISI e le associazioni sportive, che operano da oltre 50 anni sulle montagne della Sila organizzando competizioni, occupandosi dell’omologazione delle piste, trovando gratuitamente soluzioni tecniche e portando migliaia di persone a sciare, non vengano considerati in un dialogo finalizzato alla crescita di un comprensorio dalle eterne potenzialità inespresse».

La FISI calabro lucana, ricorda il presidente, si è mossa in più occasioni – portando a Lorica anche il presidente nazionale FISI Flavio Roda – affinché la complessa situazione degli impianti di risalita potesse trovare una risoluzione che non penalizzasse ulteriormente una zona montana che ha le caratteristiche per diventare una stazione sciistica di rilevanza geografica. «Ricordo a tutti gli operatori e ai politici – prosegue Zupi – che da 8 anni Lorica è praticamente chiusa e che la Sila più che una “destinazione” turistica è l’emblema dell’inefficienza se si considera che nelle altre località montane un impianto di risalita come quello che doveva segnare una svolta per il nostro territorio viene costruito e consegnato in 8 mesi al massimo».

«Vogliamo sperare che oltre che di agevolazioni e di costose campagne di comunicazione, durante l’incontro con la governatrice sia stato comunicato il cronoprogramma della riapertura degli impianti di Lorica, degli interventi di manutenzione delle altre stazioni, dell’implementazione delle infrastrutture turistiche e dei collegamenti fra le stesse». «Non possiamo che augurarci – ha concluso – che si trovino finalmente soluzioni e che l’altipiano accolga adeguatamente le migliaia di appassionati di sport invernali costretti ad andare a sciare fuori regione».

Lorica

Ora è possibile ripartire anche per i più piccoli !

Dopo la comunicazione per i giovani , stamattina arriva anche quella relativa alla
RIPRESA ATTIVITA’ CHILDREN, CUCCIOLI E BABY

in relazione alla ripresa dell’Attività per le categorie Children e Pulcini, si riportano sommariamente le disposizioni federali:

Per quanto riguarda le categorie Children, Cuccioli e Baby è già possibile la ripresa dell’attività fisica individuale e di gruppo, rispettando le norme dello stesso decreto.
Nel momento in cui verrà ammessa l’apertura degli impianti, potranno ugualmente fare uso degli stessi, rispettando le indicazioni riguardo ai gruppi 1 e 2:

– Gruppo 1: agli atleti che dal 1 febbraio ad oggi hanno presentato una sintomatologia riferibile a Covid (febbre, tosse, dispnea, etc..), si consiglia il rientro alla pratica sportiva a seguito di una nuova visita di idoneità sportiva.

– Gruppo 2: gli asintomatici che non hanno presentato dal 1 febbraio ad oggi sintomi riferibili a Covid (febbre, tosse, dispnea, etc..), possono riprendere l’attività sportiva nel pieno rispetto delle regole del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 17 maggio 2020.

Per quanto riguarda il trasporto, nei diversi protocolli federali viene richiesto di “privilegiare” L’UTILIZZO DI MEZZI PROPRI in quanto per i veicoli ad “uso promiscuo” sarebbe opportuno procedere alle operazioni di sanificazione e rimandando alle disposizione normative attualmente vigenti che si riportano – di seguito – per comodità:
• Il passeggero non può occupare il sedile accanto al conducente
• Non più di due passeggeri sui sedili posteriori purché muniti di dispositivi di sicurezza. In mancanza dei dispositivi, consentito un solo passeggero
• Su vetture omologate al trasporto di sei o più persone, consentiti non più di due passeggeri per ogni fila di sedili purché muniti di mascherine. Se possibile, dotare le vetture di paratie
• Uso di dispositivo di protezione individuale per il conducente

Tutte le info 👇

https://www.fisi.org/federazione/news/21612-covid-19-tutte-le-informazioni-utili-per-la-ripartenza?fbclid=IwAR2DrqyE3M-Xk-rx5ocRCUwjrYwFGl_e5TCoqXxBSoQ569RQk1WCDFwRpc8

Pubblicate dal Governo le Linee Guida per la ripresa dell’attività sportiva di base e degli allenamenti negli sport individuali e di squadra

A seguito della pubblicazione del Dpcm del 17 maggio, il Governo ha provveduto a pubblicare anche Le Linee Guida per l’attività sportiva di base e per l’attività motoria in genere e per le attività di allenamento degli sport individuali e di squadra (vedi documenti allegati scaricabili).

Le Linee-Guida sono volte a fornire le indicazioni generali e le azioni di mitigazione necessarie ad accompagnare la ripresa dello sport, a seguito del lockdown per l’emergenza Covid-19, alle quali devono attenersi tutti i soggetti che gestiscono, a qualsiasi titolo, siti sportivi, o che comunque ne abbiano la responsabilità e costituiscono il quadro di riferimento anche per le ulteriori indicazioni fornite in materia a livello regionale.

I documenti hanno l’obiettivo di costituire un indirizzo generale e unitario e ha carattere temporaneo e strettamente legato all’emergenza. Esso è declinato per le singole discipline sportive dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, dalle Discipline sportive associate e dagli Enti di promozione sportiva, riconosciuti dal CONI e dal CIP, tramite appositi protocolli applicativi.

In questo quadro normativo, le presenti Linee-Guida sono state elaborate dall’Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il supporto della società Sport e Salute S.p.A., sentita la Federazione Medico Sportiva Italiana “FMSI”.

Questi documenti si basano sul contributo tecnico e scientifico del Rapporto denominato “Lo sport riparte in sicurezza” trasmesso dal CONI e dal CIP al Ministro per le politiche giovanili e lo Sport in data 26 aprile 2020, redatto con la collaborazione del Politecnico di Torino, sentita la Federazione Medico Sportiva Italiana (FMSI), le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva.

 

https://www.fisi.org/federazione/news/21591-pubblicate-dal-governo-le-linee-guida-per-l-attivita-sportiva-di-base-e-per-l-attivita-motoria-in-genere

Sospensione attività giovanile !

Ai Presidenti delle Società

del Comitato Regionale CAL

 

Oggetto: applicazioni norme del DPCM del 4.3.2020 relativo all’emergenza COVID-19

 

Gent.mi Presidenti,

facendo seguito al Decreto di cui in oggetto, emanato nel tardo pomeriggio di ieri 4.3.2020;

in ottemperanza delle linee guida, che a tale proposito, il Presidente della FISI ha divulgato nella mattinata di oggi;

la scrivente Federazione Regionale in attuazione delle norme in esso contenute e, nello specifico di cui all’art.1.1 comma C e di cui all’allegato 1 comma D dello stesso DPCM,

invita

le S.V. a rispettare quanto previsto dal sopra citato Decreto con la sospensione totale degli eventi sportivi che interessano tutti gli atleti minorenni e allo stesso tempo, a fermare le attività sociali o allenamenti che possono creare aggregazione ove non fosse possibile garantire le condizioni di controllo medico-sanitario richieste e la certezza delle “distanze cautelative” previste nelle norme.

Confidando nella responsabilità di tutti si porgono cordiali saluti.

Cosenza 05.03.2020                                                                          Comitato FISI Calabro Lucano

Di seguito il link della comunicazione fatta dal Presidente della FISI Flavio Roda

https://www.fisi.org/federazione/news/21382-comunicazioni-federali-a-seguito-del-decreto-del-presidente-del-consiglio-dei-ministri-del-4-marzo-2020