Tel/Fax 0984 35405 / 338 8971926 crcal@fisi.org

PERICOLO FUORISTRADA E QUAD. IL CAL CHIEDE LA CHIUSURA TEMPORANEA DELLA STRADA DELLE VETTE DA MONTESCURO A VESPA

 Il Comitato FISI Calabro Lucano guidato dall’avv. Bianca Zupi ha inoltrato nei giorni scorsi alle amministrazioni comunali di Celico e Casali del Manco, e per conoscenza all’Ente Parco Nazionale della Sila, la richiesta di chiusura temporanea al traffico veicolare della Strada delle Vette nel tratto Montescuro–Macchia Sacra – Botte Donato – località Vespa per mezzo di un’apposita ordinanza.

La richiesta, fatta pervenire al Commissario Prefettizio dott. Gianfranco Rovito e al Sindaco dott. Stanislao Martire e al presidente dell’Ente Parco della Sila dott. Francesco Curcio, già da diversi giorni,  si è resa necessaria in quanto quel tratto di strada, normalmente innevato da novembre a fine marzo, è parte integrante della pista di fondo di cui usufruiscono agonisti e amatori dello sci nordico e sede della gara ormai diventata un appuntamento fisso di fine stagione: la “Granfondo delle Vette”, inserita nel calendario FISI nazionale.

L’innevamento non ferma i possessori di fuoristrada e quad che si avventurano per il percorso, volendo sperimentare emozioni e incuranti del danno che si procura, mettendo a rischio la sicurezza degli sciatori che da sempre sperano nel senso civico e nel rispetto di quella strada naturalmente usata per altro, in inverno.

Per questo il Presidente del CAL Bianca Zupi, in accordo con il Responsabile regionale del settore Fondo Pino Mirarchi, chiedono l’emissione tempestiva di un’ordinanza temporanea di chiusura al traffico veicolare sino al 31 marzo riguardante il suddetto tratto della Strada delle Vette da destinare a percorso dello sci turistico e amatoriale.

L’accoglimento della richiesta da parte delle amministrazioni comunali, oltre a  scongiurare possibili incidenti e permettere lo sviluppo e la pratica di una disciplina sportiva che in Calabria vanta un buon seguito, rappresenterebbe un segnale di attenzione allo sviluppo e alla tutela del territorio.