Tel/Fax 0984 35405 / 338 8971926 crcal@fisi.org

Con l’avvio della stagione FISI 2020/2021 è ripresa la programmazione delle attività nel rispetto delle linee guida ministeriali riguardanti lo sport e l’attività motoria.
I vertici del Comitato Calabro Lucano, rappresentato dal Presidente Bianca Zupi, anche durante il periodo di isolamento causato dalla pandemia da Covid-19,hanno mantenuto i contatti con le associazioni affiliate alla Federazione degli Sport Invernali per condividere

informazioni e indicazioni utili alla ripresa, nella speranza che i dati sanitari permangano stabili.
È di questo periodo la nomina del Responsabile Sanitario del CAL, individuato nel dott. Nino Avventuriera (in foto), il quale avrà il compito di far rispettare il protocollo sanitario indicato dalla Federazione durante le attività agonistiche.

 

Ora si lavora all’organizzazione di un raduno tecnico e atletico, da svolgersi in Sila, a San Giovanni in Fiore (CS) e al Villaggio Baffa (KR) nel mese di agosto, pensato per gli atleti dello sci nordico che possono iniziare gli allenamenti a secco in preparazione delle gare di ski roll previste per il prossimo autunno, sulla scia della positiva esperienza dello scorso anno. Uno dei tanti appuntamenti che il settore fondo, guidato dal DT Pino Mirarchi, ha messo a punto con la Commissione Tecnica del CAL, per l’avvio di una prossima stagione di rilancio: stage, formazione, raduni, competizioni rivolte a far crescere sempre più il livello delle nostre Squadre Regionali, ormai alacremente al lavoro.

Nel frattempo questo Comitato ha sollecitato, tramite comunicazione certificata, alcune amministrazioni comunali del Pollino, sia del versante lucano che calabrese, affinché si attivino per provvedere alla manutenzione delle strade così da consentire l’attività sportiva dei club affiliati alla FISI e lo sviluppo di un turismo sportivo che gioverebbe al territorio e al movimento sportivo.

Novità in arrivo anche per quanto riguarda lo sci alpino: la dirigenza del Comitato si sta attivando per la nomina di un Responsabile Tecnico esterno, di provata esperienza agonistica nazionale e internazionale, che avrà il compito di stimolare e rivitalizzare un settore fermo da tempo, il cui nome verrà comunicato a ratifica avvenuta.